Med Focus .it

Correlazioni in Medicina



Profilo di sicurezza di Avastin


Avastin, il cui principio attivo è Bevacizumab, è un anticorpo monoclonale disegnato in modo specifico per inibire il fattore di crescita dell’endotelio vascolare ( VEGF ), una proteina che svolge un importante ruolo nello sviluppo e nel mantenimento dei vasi sanguigni, un processo conosciuto come angiogenesi.

Attualmente Avastin è approvato come trattamento di prima e seconda linea del tumore del colon-retto metastatico in combinazione con la chemioterapia basata sul 5-Fluorouracile, e come trattamento di prima linea nel carcinoma polmonare a piccole cellule non-squamoso, metastatico in combinazione con Carboplatino e Cisplatino.

In alcuni studi clinici, alcuni pazienti trattati con Bevacizumab sono andati incontro a gravi effetti indesiderati, tra cui:

Perforazione gastrointestinale

Il trattamento con Bevacizumab può causare perforazione gastrointestinale, a livello dello stomaco, piccolo intestino ( intestino tenue ) o grande intestino ( intestino crasso ).
Negli studi clinici casi di perforazione gastrointestinale si sono presentati nel corso del trattamento, alcuni a esito fatale.
La terapia con Bevacizumab dovrebbe essere interrotta in modo permanente nei pazienti in cui si ha perforazione gastrointestinale.

Ritardo nella guarigione delle ferite

Il trattamento con Bevacizumab può portare a rallentamento o a incompleta guarigione delle ferite. In alcuni casi questo evento può risultare fatale.
La terapia con Bevacizumab dovrebbe essere interrotta in modo permanente nei pazienti con problemi nella guarigione delle ferite che richiedono trattamento medico.
Non è stato ancora definito il tempo di attesa appropriato tra l’interruzione del trattamento con Bevacizumab e il sottoporsi a intervento chirurgico.

Grave sanguinamento

Alcuni pazienti che sono stati trattati con Bevacizumab con chemioterapia per tumore polmonare hanno presentato emottisi. In alcuni casi l’evento è risultato fatale. Pertanto le persone che hanno sofferto di emottisi in tempi recenti non dovrebbero essere trattate con Bevacizumab.

Altri gravi eventi avversi

Negli studi clinici, ulteriori gravi eventi avversi, riscontrati nel corso di trattamenti con Bevacizumab, comprendono un più alto rischio di ictus o di patologie cardiache ( trombosi, insufficienza cardiaca congestizia ), con alcuni casi di esito fatale rispetto ai pazienti sottoposti solo a chemioterapia.
Alcune persone hanno manifestato neutropenia con la possibilità di contrarre infezioni. In alcune persone si è venuta a creare una fistola non-gastrointestinale.
Grave innalzamento della pressione sanguigna, problemi renali, del sistema nervoso e disturbi della visione sono stati osservati quando Bevacizumab è stato associato a chemioterapia. I pazienti in trattamento con Avastin dovrebbero essere sottoposti a stretto monitoraggio della pressione sanguigna ogni 2-3 settimane. ( Xagena2009 )

Fonte: Genentech, 2009


Onco2009 Farma2009

Altri articoli

Specialità ( Italian version )