Med Focus .it

Correlazioni in Medicina



Farmaci antiaggreganti nei pazienti con diabete mellito: Aspirina


L'Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) è stata raccomandata come terapia primaria e secondaria per prevenire eventi cardiovascolari in soggetti diabetici e non-diabetici.

Una meta-analisi e diversi studi clinici hanno dimostrano l' efficacia dell'utilizzo di Aspirina come misura preventiva per gli eventi cardiovascolari, tra cui ictus e infarto miocardico.

Molti studi hanno mostrato una diminuzione di circa il 30% dell’inferto del miocardio e una diminuzione del 20% dell'ictus in una vasta gamma di pazienti, inclusi i pazienti giovani e di mezza età, i pazienti con e senza una storia di malattia cardiovascolare, maschi e femmine, e nei pazienti con ipertensione.

I dosaggi utilizzati nella maggior parte delle sperimentazioni cliniche erano compresi tra 75 e 325 mg/die.
Non ci sono evidenze a sostegno di una specifica dose, ma il dosaggio più basso possibile può contribuire a ridurre gli effetti collaterali.

Non ci sono evidenze a sostegno di una specifica età in cui iniziare l'assunzione di Aspirina, ma nei soggetti di età inferiore a 30 anni, l'Aspirina non è stata studiata.

Clopidogrel ( Plavix ) ha dimostrato di ridurre i tassi di malattia cardiovascolare nei soggetti diabetici.
Il Clopidogrel dovrebbe essere considerato come terapia aggiuntiva nei pazienti ad altissimo rischio o come terapia alternativa nei pazienti con intolleranza all'Aspirina.

Raccomandazioni

• Utilizzare l'Aspirina ( 75-162 mg/die ) come strategia di prevenzione secondaria nei pazienti diabetici con una storia di infarto miocardico, procedura di bypass vascolare, ictus o attacco ischemico transitorio ( TIA ), malattia vascolare periferica, claudicazione e/o angina . ( Raccomandazione A );

• Utilizzare l'Aspirina ( 75-162 mg/die ) come strategia di prevenzione primaria nei soggetti con diabete di tipo 2 ad alto rischio cardiovascolare, compresi coloro che hanno più di 40 anni di età o che hanno altri fattori di rischio ( storia familiare di malattie cardiovascolari, ipertensione, fumo, dislipidemia, o albuminuria ). ( Raccomandazione A )

• Utilizzare l'Aspirina ( 75-162 mg/die ) come strategia di prevenzione primaria nei soggetti con diabete di tipo 1 ad aumentato rischio cardiovascolare, compresi coloro che hanno più di 40 anni di età o che hanno altri fattori di rischio ( storia familiare di malattie cardiovascolari, ipertensione, fumo, dislipidemia, o albuminuria ). ( Raccomandazione C )

• Le persone con allergia all'Aspirina, tendenza al sanguinamento, in terapia anticoagulante, recente sanguinamento gastrointestinale, e la malattia epatica clinicamente attiva non sono candidati per la terapia con Aspirina. Altri agenti antipiastrinici possono rappresentare un'alternativa ragionevole per i pazienti ad alto rischio. ( Raccomandazione E ).

• La terapia con Aspirina non dovrebbe essere raccomandata per i pazienti di età inferiore ai 21 anni a causa del maggiore rischio di sindrome di Reye associata con l'uso di Aspirina in questa popolazione. Non sono state studiate le persone di età inferiore ai 30 anni. ( Raccomandazione E). ( Xagena2005 )

Fonte: Diabetes Care, 2005

Endo2005 Cardio2005 Farma2005

Altri articoli