MedFocus.it

Correlazioni in Medicina



Dosi ultra basse di Rituximab per il trattamento continuato dell'artrite reumatoide: studio REDO


Rituximab è un trattamento efficace per l'artrite reumatoide, somministrato in due dosi da 1.000 mg ( a distanza di 2 settimane ) ogni 6 mesi (l a dose raccomandata dalla Food and Drug Administration statunitense [ FDA ] e dalla European Medicines Agency [ EMA ] ) o in due dosi da 500 mg ( a 2 settimane di distanza ) o una dose da 1.000 mg ( una dose bassa standard ) ogni 6 mesi.
I risultati di numerosi piccoli studi non-controllati hanno mostrato che dosi inferiori alla dose raccomandata o alla dose bassa standard potrebbero essere sufficienti per il trattamento di mantenimento, migliorando potenzialmente la sicurezza e riducendo i costi.

Pertanto, è stata confrontata l'efficacia delle dosi ultra-basse di Rituximab ( una dose di 500 mg o 200 mg ) con una bassa dose standard di Rituximab ( una dose di 1.000 mg ) per i pazienti con artrite reumatoide che rispondono a dosi standard di Rituximab.

Lo studio REDO è uno studio randomizzato, in doppio cieco, di non-inferiorità condotto in 5 centri nei Paesi Bassi.
Gli adulti di età a partire da 18 anni con artrite reumatoide che rispondevano bene al Rituximab sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Rituximab per via endovenosa in una dose di 1.000 mg, 500 mg o 200 mg, rispettivamente.

La randomizzazione è stata stratificata in base al fattore reumatoide o allo stato di anticorpo anti-proteina citrullinata ( positivo o negativo ) e all'uso concomitante di farmaci antireumatici modificanti la malattia sintetica convenzionali [ csDMARD ] ( sì o no ).
L'analisi primaria era una procedura di testing gerarchico per protocollo che ha confrontato dosi ultra-basse con una dose bassa standard ( 500 mg vs 1.000 mg a 3 mesi, seguita da 500 mg vs 1.000 mg a 6 mesi, 200 mg vs 1.000 mg a 3 mesi e 200 mg vs 1.000 mg a 6 mesi ), utilizzando un margine di non-inferiorità di 0.60 in caso di variazione rispetto al basale nel punteggio dell'attività di malattia in 28 articolazioni in base ai livelli proteici di proteina C reattiva ( DAS28-CRP ).

Tra il 2016 e il 2018, 142 pazienti sono stati assegnati in modo casuale a 1.000 mg di Rituximab ( n=29 ), 500 mg di Rituximab ( n=58 ) o 200 mg di Rituximab ( n=55 ).
La dose da 500 mg era non-inferiore a 1.000 mg a 3 mesi ( variazione media rispetto al basale in DAS28-CRP, −0.07 ) ma non a 6 mesi ( 0.29 ).

A causa della procedura di testing gerarchico, la non-inferiorità non è stata testata per la dose di 200 mg.

13 pazienti hanno presentato eventi avversi gravi, 3 ( 10% ) nel gruppo da 1.000 mg, 6 ( 10% ) nel gruppo da 500 mg e 4 ( 7% ) nel gruppo da 200 mg.
Gli eventi avversi gravi riportati più frequentemente erano cardiovascolari.

Nessun decesso si è verificato durante lo studio.

Una incidenza significativamente più bassa di infezioni è stata osservata nei gruppi a bassissima dose rispetto al gruppo a dose standard ( 1.24 infezioni per anno-paziente con la dose di 1.000 mg vs 0.52 per anno-paziente con la dose di 500 mg e 0.55 per anno-paziente con la dose di 200 mg; rate ratio 0.42, P=0.013 per 500 mg vs 1.000 mg; 0.44; P=0.019 per 200 mg vs 1.000 mg ).

Lo studio non ha mostrato la non-inferiorità di dosi ultra basse di Rituximab per il trattamento continuo di pazienti con artrite reumatoide.
Tuttavia, nella pratica clinica, una strategia con una dose ultra-bassa di Rituximab potrebbe essere presa in considerazione dopo la valutazione di rischi e benefici, sebbene siano necessari ulteriori studi per stabilire la non-inferiorità.
Sono in corso ulteriori analisi e una proroga osservativa di 2 anni che dovrebbero fornire ulteriori informazioni sull'efficacia e la sicurezza. ( Xagena2019 )

Verhoef LM et al, Lancet Rheumatology 2019; 1: PE145-E153

Reuma2019 Farma2019