MedFocus.it

Correlazioni in Medicina



Mortalità ed eventi avversi immuno-correlati dopo l'inizio dell'inibitore del checkpoint immunitario per il tumore tra i pazienti con artrite reumatoide preesistente


I pazienti con artrite reumatoide preesistente che iniziano gli inibitori del checkpoint immunitario per malattia oncologica potrebbero essere a rischio di aumento della mortalità, riacutizzazioni dell'artrite reumatoide e altri eventi avversi immuno-correlati.

Si è determinato se l'artrite reumatoide preesistente fosse associata a una mortalità più elevata e al rischio di eventi avversi immuno-correlati nei pazienti trattati con inibitori del checkpoint immunitario.

Uno studio di coorte retrospettivo e comparativo è stato condotto presso il Mass General Brigham Integrated Health Care System e il Dana-Farber Cancer Institute di Boston ( MA, USA ).

Sono stati identificati tutti gli individui che hanno avviato gli inibitori del checkpoint immunitario da aprile 2011 ad aprile 2021.
I pazienti con artrite reumatoide preesistente dovevano soddisfare i criteri del 2010 dell’American College of Rheumatology - European Alliance of Associations for Rheumatology ( ACR–EULAR ).

Per ogni caso di artrite reumatoide preesistente, sono stati confrontati fino a tre comparatori di artrite non reumatoide alla data indice di inizio dell'inibitore del checkpoint immunitario per sesso ( registrato come maschio o femmina ), anno solare, target dell'inibitore del checkpoint immunitario e tipo di cancro e stadio.

Gli esiti coprimari erano il tempo dalla data indice alla morte e il tempo al primo evento avverso correlato al sistema immunitario, misurati utilizzando un modello di rischi proporzionali di Cox aggiustato.

I decessi sono stati identificati dalla cartella clinica. Le riacutizzazioni dell'artrite reumatoide e la presenza, il tipo e la gravità di eventi avversi immuno-correlati sono stati determinati dalla revisione della cartella clinica.

Sono stati identificati 11.901 pazienti che hanno avviato inibitori del checkpoint immunitario per il trattamento del cancro tra aprile 2011 e aprile 2021; di questi, 101 soddisfacevano i criteri ACR-EULAR del 2010 per l'artrite reumatoide.

Sono stati abbinati con successo 87 pazienti con artrite reumatoide preesistente a 203 comparatori senza artrite reumatoide.
L'età media era di 71.2 anni. 178 dei 290 partecipanti ( 61% ) erano donne, 112 ( 39% ) erano maschi e 268 ( 92% ) erano bianchi.

Il PD-1 era il target più comune dell'inibitore del checkpoint immunitario ( 80 su 87 pazienti, 92%, con artrite reumatoide vs 188 su 203 pazienti, 93%, di confronto ).
Il tumore del polmone era il tipo di tumore più comune ( 43, 49%, vs 114, 56% ), seguito dal melanoma ( 21, 24%, vs 50, 25% ).

Sono deceduti 60 pazienti ( 69% ) con artrite reumatoide rispetto a 127 pazienti ( 63% ) di confronto ( hazard ratio aggiustato, aHR 1.16; P=0.34 ).
53 pazienti ( 61% ) con artrite reumatoide rispetto a 99 pazienti di confronto ( 49% ) presentavano eventi avversi immuno-correlati di tutti i gradi ( aHR 1.72; P=0.0032 ).

Ci sono stati 2 eventi avversi ( morti ) immuno-correlati di grado 5 ( 1% ) dovuti a miocardite, entrambi nel gruppo di confronto.

Le riacutizzazioni dell'artrite reumatoide si sono verificate in 42 pazienti ( 48% ) con artrite reumatoide e l'artrite infiammatoria si è verificata in 14 pazienti ( 7% ) di confronto ( P minore di 0.0001 ).

I pazienti con artrite reumatoide hanno avuto meno probabilità di avere eruzioni cutanee o dermatiti ( 5, 6%, vs 28, 14%; P=0.048 ), endocrinopatia ( 2, 2%, vs 22, 11%; P=0.0078 ), colite o enterite ( 6, 7%, vs 28, 14%, comparatori; P=0.094 ) ed epatite ( 3, 3%, vs 19, 9%; P=0.043 ).

I pazienti con artrite reumatoide preesistente che hanno iniziato gli inibitori del checkpoint immunitario hanno avuto un rischio simile di mortalità e gravi eventi avversi immuno-correlati rispetto ai comparatori abbinati.

Sebbene i pazienti con artrite reumatoide preesistente avessero maggiori probabilità di avere eventi avversi immuno-correlati, questa scoperta era principalmente dovuta a lievi riacutizzazioni di artrite reumatoide.

Questi risultati hanno indicato che questa popolazione di pazienti possa tranquillamente ricevere inibitori del checkpoint immunitario per il trattamento del tumore. ( Xagena2023 )

McCarter KR et al, Lancet Rheumatology 2023; 5: 274-283

Reuma2023 Onco2023 Farma2023