Med Focus .it

Correlazioni in Medicina



Ciclosporina prima dell’intervento coronarico percutaneo nei pazienti con infarto miocardico acuto


Prove sperimentali e cliniche suggeriscono che la Ciclosporina può attenuare il danno da riperfusione e ridurre la dimensione dell'infarto del miocardio.
Si è verificato se la Ciclosporina possa migliorare i risultati clinici e prevenire un rimodellamento ventricolare sinistro avverso.

In uno studio multicentrico, in doppio cieco, randomizzato, 970 pazienti con un infarto miocardico con sopraslivellamento ST anteriore acuto ( STEMI ) sottoposti a interventi coronarici percutanei ( PCI ) entro 12 ore dall’inizio dei sintomi e con occlusione completa della coronaria responsabile sono stati assegnati a ricevere un bolo di Ciclosporina ( somministrato per via endovenosa al dosaggio di 2.5 mg per chilogrammo di peso corporeo ) oppure placebo prima della ricanalizzazione coronarica.

L'esito primario era un composito di morte per qualsiasi causa, peggioramento dello scompenso cardiaco durante il ricovero iniziale, riospedalizzazione per scompenso cardiaco, rimodellamento del ventricolo sinistro avverso a 1 anno.

Il rimodellamento del ventricolo sinistro avverso è stato definito come un aumento del 15% o più del volume telediastolico del ventricolo sinistro.

In totale 395 pazienti nel gruppo Ciclosporina e 396 nel gruppo placebo hanno ricevuto il farmaco in studio e avevano dati valutabili per l'esito primario a 1 anno.

Il tasso di esito primario è stato pari a 59.0% nel gruppo Ciclosporina e 58.1% nel gruppo di controllo ( odds ratio, OR=1.04; P=0.77 ).

La Ciclosporina non ha ridotto l'incidenza delle componenti cliniche separate dell’esito primario o di altri eventi, tra cui infarto miocardico ricorrente, angina instabile, e ictus.

Nessuna significativa differenza nel profilo di sicurezza è stata osservata nei due gruppi di trattamento.

In conclusione, nei pazienti con infarto STEMI anteriore destinati a PCI primario, la Ciclosporina per via endovenosa non ha comportato migliori risultati clinici rispetto al placebo e non ha impedito il rimodellamento del ventricolo sinistro avverso a 1 anno. ( Xagena2015 )

Cung TT et al, N Engl J Med 2015; 373: 1021-1031

Cardio2015 Farma2015

Altri articoli