Med Focus .it

Correlazioni in Medicina



Azatioprina: tollerabilità, efficacia e predittori di beneficio nella neuromielite ottica


Uno studio ha valutato l’efficacia, la tollerabilità, il dosaggio ottimale dell’Azatioprina ( Imuran ) nei pazienti con neuromielite ottica.

Lo studio prevedeva una revisione delle cartelle cliniche e un follow-up telefonico riguardante 99 pazienti con disturbi dello spettro della neuromielite ottica trattati con Azatioprina ( 1994-2009 ).

I disturbi dello spettro della neuromielite ottica consistevano in neuromielite ottica ( criteri diagnostici 2006 ) o forme parziali di neuromielite ottica (sieropositività per immunoglobulina G della neuromielite ottica ).

Il Wilcoxon signed rank è stato utilizzato per confrontare i tassi annualizzati di recidiva pre-trattamento e post-inizio di Azatioprina ( post-trattamento ), punteggio alla scala EDSS ( Expanded Disability Status Scale ) ed esiti di acuità visiva.

La durata mediana dei sintomi legati a disturbi dello spettro della neuromielite ottica prima dell’inizio del trattamento con Azatioprina è stata di 2 anni ( intervallo 1-27 ); 79 pazienti erano di sesso femminile.

Nello studio, 86 pazienti avevano neuromielite ottica e 13 versioni limitate della neuromielite ottica, inclusa mielite trasversa in 8 casi e neurite ottica in 5.

Il follow-up mediano post-trattamento è stato di 22 mesi.

In totale, 38 pazienti hanno interrotto il trattamento ( effetti collaterali, 22; nessuna efficacia, 13; linfoma, 3 ).

Tra i 70 pazienti con un follow-up superiore a 12 mesi, 48 hanno ricevuto una dose uguale o superiore a 2.0 mg/kg/die ( tasso annualizzato di recidiva: pre-trattamento, 2.20; post-trattamento, 0.52 ); 22 hanno ricevuto dose inferiore a 2.0 mg/kg/die ( tasso annualizzato di recidiva: pre-trattamento, 2.09; post-trattamento, 0.82 ); 52 hanno ricevuto trattamento concomitante con Prednisone ( tasso annualizzato di recidiva: pre-trattamento, 2.20; post-trattamento, 0.89 ) e 18 non lo hanno ricevuto ( tasso annualizzato di recidiva: pre-trattamento, 1.54; post-trattamento, 0.23 ); p inferiore a 0.0001 per ciascun confronto.

Il punteggio alla scala EDSS è risultato stabile o migliorato nonostante attacchi presenti in 22 pazienti ( 31% ); 26 pazienti hanno tollerato Azatioprina e sono risultati liberi da recidiva ( 37%, follow-up mediano 24 mesi; intervallo 12-151 mesi ).

L’incremento del volume corpuscolare medio ha influenzato il cambiamento del tasso annualizzato di recidiva ( p=0.049 ).

In conclusione, Azatioprina è in genere efficace e ben tollerata.
Inizio precoce del trattamento, dosaggio adeguato e monitoraggio dei parametri ematologici potrebbero ottimizzarne l’efficacia.
Questo studio ha prodotto evidenze di classe IV sull’efficacia di Azatioprina nel ridurre i tassi di recidiva e migliorare i punteggi alla scala EDSS e di acuità visiva nei pazienti con disturbi dello spettro della neuromielite ottica. ( Xagena2011 )

Costanzi C et al, Neurology 2011; 77: 659-666


Neuro2011 Farma2011

Altri articoli