Med Focus .it

Correlazioni in Medicina



Efficacia dell’associazione Infliximab e Azatioprina nella malattia di Crohn moderata-grave


Negli adulti con forma moderata-grave della malattia di Crohn in fase attiva, il trattamento con Infliximab ( Remicade ) e Azatioprina ( Imuran ) o Infliximab da solo, ha portato a tassi significativamente più elevati di remissione clinica senza impiego dei corticosteroidi e guarigione della mucosa rispetto al trattamento con Azatioprina da solo.

Nonostante l’introduzione degli antagonisti del TNF-alfa nella trattamento della malattia di Crohn diverse questioni rimangono aperte.
Tra queste, quando iniziare Infliximab, prima durante o dopo il trattamento convenzionale con gli immunomodulatori e, infine, per quanto tempo la terapia deve essere mantenuta.

Lo studio SONIC, che ha coinvolto 508 pazienti adulti con malattia di Crohn, moderata-grave, in fase attiva, naive agli immunomodulatori, ha cercato di dare una risposta ad alcune di queste domande.

I pazienti sono stati assegnati in 3 gruppi: Infliximab per via endovenosa, 5 mg/kg/die, più placebo per via orale; Azatioprina per via orale, 2.5 mg/kg più placebo per infusione; combinazione di Azatioprina e Infliximab.
Infusioni sono state date alle settimane 0, 2 e 6 e poi ogni 8 settimane fino alla settimana 30; era poi prevista un’estensione fino alla settimana 50.

Alla settimana 26, la percentuale di pazienti in remissione senza impiego di steroidi ( endpoint primario) è stata maggiore con la terapia combinata ( 56.8% ) che con Infliximab ( 44.4% ) o Azatioprina ( 30.6% ), da soli.

Al basale, 325 pazienti presentavano ulcerazioni della mucosa [ 65.7% nel gruppo terapia di combinazione, 58.6% nel gruppo Infliximab e 67.6% nel gruppo Azatioprina.

La proporzione di pazienti con completa guarigione della mucosa alla settimana 26 ( endpoint secondario ) è stata pari a 43.9% con la terapia di combinazione; 30.1% con Infliximab, e 16,5% con Azatioprina ( p
Nelle analisi post hoc, è stato osservato che i pazienti con evidenza oggettiva di infiammazione ( esempio, alti livelli di proteina C-reattiva o lesioni a livello della mucosa ) hanno presentato i migliori risultati clinici con Infliximab.

I risultati dello studio di estensione a 50 settimane hanno confermato la superiorità di Infliximab rispetto all’Azatioprina, e della terapia di combinazione rispetto a Infliximab solo per il raggiungimento della remissione clinica a lungo senza impiego di steroidi.

Non è stata riscontrata differenza in tutti i gruppi di trattamento riguardo alla sicurezza.
Un totale di 38 pazienti nel gruppo Azatioprina, 20 nel gruppo Infliximab, e 28 nel gruppo terapia di combinazione ha dovuto sospendere il trattamento a causa di eventi avversi.
Tassi di infezioni gravi, compresa la tubercolosi, sono stati del 3.9% nel braccio combinazione, 4.9% con Infliximab, e 5.6% con Azatioprina.

I dati dello studio hanno evidenziato che l’impiego dei farmaci biologici nelle prime fasi della malattia di Crohn fornisce migliori risultati rispetto alla terapia convenzionale.
Rimane, tuttavia, da valutare la sicurezza nel lungo termine dell’associazione antagonista del TNF e immunomodulatori a causa del possibile rischio di tossicità con complicanze infettive e di linfoma. ( Xagena2010 )

Fonte: The New England Journal of Medicine, 2010

Gastro2010 Farma2010

Altri articoli